Specchio specchio delle mie brame: i guanti?

audrey-hepburn-colazione-da-tiffany

E’ ormai arrivato il freddo che preannuncia l’inverno…via libera quindi a cappotti, piumini, cappelli, sciarpe e guanti. Oggi però voglio parlare dei guanti intesi come accessorio dal fascino seduttivo che trae origine dal mondo della mitologia.

Infatti, il primo paio di guanti risale proprio all’epoca mitologica e precisamente a quando le Ninfe fasciarono le dita della dea Venere per ripararle dai graffi di un cespuglio spinoso, nel quale la dea della bellezza e dell’amore era caduta.

Da allora i guanti sono diventati uno strumento di seduzione seppur passando dal mondo del lavoro come utile dispositivo di protezione individuale…indi, che cosa? Diciamo come ‘abito di sicurezza’ delle nostre mani e braccia.

Lasciando il cantiere per la vita mondana, direi che i guanti a seconda della loro fattura e della tipologia delle mani possono ispirare, a seconda delle icone che li hanno resi famosi, le generazioni presenti e quelle future…Basti pensare alle mani sinuose e tornite di ‘Gilda’, a quelle sottili di Audrey Hepburn in ‘Colazione da Tiffany’ o al mondo burlesque di Dita Von Teese.

Ma quale guanto e per quale look? Quelli di lana, spesso divertenti, possono rendere particolare un look informale tradizionale; quelli di pelle o capretto sottili, dal gusto un po’ baudelariano (vi ricordate i guanti rosa di Baudelaire?), sono adatti a un look più elegante; quelli lunghi in seta sono d’obbligo la sera per eventi speciali.

Ricordatevi, però, che anche i guanti hanno il loro bon ton: mai al chiuso se l’occasione non è formale, mai a tavola, mai quando si deve stringere la mano a qualcuno…in teoria, dovremmo distinguere se la persona a cui stringiamo la mano è uomo o donna ma…nel 2015 con la parità dei generi, vogliamo adottare il mai stringere la mano indossando il guanto a prescindere, che dite?

Share this Story

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Clicca qui!

siti

About Me


Chic&roll nasce dall'idea di una mamma-moglie-ingegnere-project manager ( e cosa altro???), con la passione per la moda e con la follia di trasformare quello che molti pensano sia solo un gioco in qualcosa di più. L'idea è portare la moda e lo stile nel mondo reale, quello delle donne, che la mattina si svegliano alle 6 (magari dopo aver dormito 3 ore), che hanno, se li hanno, 5 minuti netti per scegliere l’outfit, spesso con i bimbi attaccati alle gambe, ma che nonostante tutto hanno voglia di essere carine e di vestirsi con gusto ed eleganza. Oppure di future mamme che non vogliono vestirsi necessariamente con i capi premaman. Chic&roll prova a dare consigli a donne reali e pratiche ma che non vogliono rinunciare ad essere e frizzanti...e perché no a tutte quelle donne che vogliono essere chic & roll!!!

Instagram

This error message is only visible to WordPress admins

Error: No connected account.

Please go to the Instagram Feed settings page to connect an account.

Twitter

Commenti recenti